Mlfacets

Mlfacets

SCARICARE CALDAIA A CONDENSAZIONE QUANTA ACQUA

Posted on Author JoJorisar Posted in Film


    Secondo la norma UNI /, tutte le caldaie a condensazione devono essere provviste di uno scarico per la condensa. Qual è il livello di produzione della. Tutte le caldaie a condensazione devono essere collegate ad uno scarico della condensa residua di combustione, in accordo con la norma. Ecco la risposta di un esperto, sulla caldaia a condensazione, per il i prodotti della combustione? dove scaricare l'acqua di condensa?. Certo che la condensa può rovinare il marciapiede essendo molto acida. Riesce in breve tempo a corrodere i metalli, e a lungo andare.

    Nome: caldaia a condensazione quanta acqua
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: MacOS. Android. iOS. Windows XP/7/10.
    Licenza:Gratuito (* Per uso personale)
    Dimensione del file: 40.25 Megabytes

    La caldaia gestisce due circuiti in casa, quello idraulico e uno a gas. Il sistema prende il gas dalla rete e lo brucia. Queste ultime sono chiamate caldaie a tiraggio forzato. Il primo sistema è infatti un circuito chiuso, dove scorre sempre la medesima acqua, salvo rabbocco o sostituzione da parte di qualcuno, mentre il secondo è aperto.

    Per questo motivo il circuito domestico è suddiviso in due sotto-circuiti, quello destinato al riscaldamento dei termosifoni, che è connesso a uno scambiatore primario, e quello per produrre acqua calda sanitaria, con un altro scambiatore secondario. A essa sono collegati gli attuatori e i diversi componenti elettrici.

    Questo è un dispositivo elettrico che ha una funzione di sicurezza, data da un otturatore, e di modulazione della portata del flusso di gas, data da un otturatore di regolazione.

    Per impianti termici a condensazione con potenze minori di 35 kW è stata pubblicata la norma UNI Impianti a gas per uso domestico asserviti ad apparecchi a condensazione e affini. Criteri progettazione, l'installazione, la messa in servizio e la manutenzione. Per condensare il vapore dei fumi, le caldaie a condensazione sfruttano la temperatura dell'acqua di ritorno dall'impianto termico, più fredda rispetto alla temperatura dell'acqua di mandata.

    I fumi vengono fatti passare in uno speciale scambiatore - condensatore che permette di sottrarre, tramite condensazione, il calore latente del vapore acqueo. In pratica si tratta di costruire due sifoni uno per la caldaia e uno per lo scarico dei fumi.

    Pertanto, prima di procedere con la sostituzione, dobbiamo chiedere ad un installatore qualificato di appurare di che tipologia è il nostro attuale apparecchio e dove sta scaricando i prodotti della combustione: in un camino singolo, in un condotto dedicato oppure in una canna collettiva?

    Per questo sarà allora necessario installare una tubazione dedicata che raggiunga ad esempio il sifone posto sotto uno dei lavelli di casa. Qualche numero per capire quanto è efficace questa miscelazione: una caldaia a metano a condensazione da 24 chilowatt di potenza termica, funzionando per 8 ore in continuo, produrrebbe in condizioni ideali 30 litri di acqua di condensa, da compararsi con una produzione media giornaliera di refluo domestico di circa litri al giorno pro capite!

    Queste pompe, dovendo stare in ambienti domestici, sono appositamente studiate per avere un ingombro ridotto e una bassa rumorosità quando entrano in funzione. Abbiamo già detto che la caratteristica principale della caldaia a condensazione è quella di raffreddare quanto più possibile i fumi di scarico e questo di per se già implica un elevato recupero di calore, più alto rispetto a quello della vecchia caldaia tradizionale, senza dover pensare alla condensazione.

    Come valuti questo articolo? Valutazione: 4.

    Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!


    Ultimi articoli